" />

adv

Apple mostra la potenza di HTML 5 con Safari

Autore:
1 Pessima2 Insomma..3 Sufficiente4 Buona5 Ottima! (Nessun voto)
Loading ... Loading ...

Apple mostra la potenza di HTML 5 con SafariHtml 5, il nuovo standard per il Web, che dovrebbe entrare in vigore a breve, soppiantando Flash, ha dato dimostrazione della propria potenzialità con Safari. Apple ha infatti dedicato una pagina del proprio sito Web americano per pubblicizzare questa nuova versione di Html, che Steve Jobs ha sempre dimostrato di preferire enormemente rispetto a Flash.

Per mostrare al mondo le “meraviglie” che Html 5 sembra essere in grado di proporre, la casa di Cupertino ha ideato alcuni metodi per mostrare a tutti gli utenti le reali potenzialità di questo modello per il Web.

La pagina, essenzialmente, contiene alcuni demo realizzati appunto con Html 5, ma viene anche spiegato che alcuni moderni browser ancora non ne supportano le funzionalità. Viene infatti suggerito a chiunque usi Google Chrome o Mozilla Firefox di scaricare l’ultima versione gratuita disponibile di Safari.

Tra le varie applicazioni osservabili sulla pagina del sito Apple, vi è anche il video del trailer di Tron. Questo video integra alcune funzioni assolutamente innovative: ad esempio, la possibilità di rimpicciolire o ingrandire in tempo reale ciò che stiamo guardando, di creare maschere, di mettere il tutto in prospettiva o di accelerare la riproduzione stessa del video.

Risulta quindi chiaro come una simile versatilità (sembra che sia in grado di adattarsi alla nostra banda, evitando risultati sgradevoli mentre si osservano video in HD) risulterà particolarmente utile ad iPhone e iPad, creati per essere centri multimediali.

Un altro particolare esempio delle prestazioni di Html 5 è dato dalla Gallery di foto. Infatti, mentre stiamo guardando delle serie di foto, avremo a disposizione alcune funzioni, tra cui la possibilità di cambiare il modo in cui scorreranno le immagini. Anche questo dimostra quanto gli sviluppatori siano stati dietro a questo progetto, lavorando e rifinendo ogni dettaglio, fino a fornire un prodotto che si rivela essere di gran lunga superiore a Flash.

L’ultimo dato significativo arriva dal punto di vista hardware e della memoria. Effettuando le riproduzione del video su un Macbook 13″, non si nota alcun tipo di riscaldamento. Dal punto di vista della memoria, si nota come il plugin WebKitPluginHost, addetto alla riproduzione dei video, porti all’utilizzo del solo 7% dei processori, al contrario di quanto avveniva con Flash. Infatti, con la tecnologia di Adobe, sembra che i processori fossero impegntai tra il 60% (visualizzazione di un video normale) e i 110-130% (video in HD).


Categoria: News, Safari, Software

Lascia un commento

Le Notizie Apple

  • Apple potrebbe comprare Swell per $30Milioni

    In Italia è nota solo agli appassionati di podcast, ma Swell è un'app internazionale disponibile in tutto il mondo che ha il suo maggior successo in USA e in Canada. ......

    29 luglio 2014 - 0 Commenti
  • Apple guadagnerà molto il prossimo trimestre

    Apple ha avuto risultati migliori delle attese nello scorso trimestre appena conclusosi con la comunicazione dei dati finanziari. Ma gli analisti finanziari già guardano al prossimo trimestre. Katy Huberty, analista ......

    27 luglio 2014 - 0 Commenti
  • Risultati finanziari Q3 2014 di Apple

    Apple ha rilasciato da poco più di un'ora i risultati finanziari del terzo trimestre fiscale dell'anno 2014. Per il trimestre Apple ha avuto un fatturato di 37,4 miliardi di dollari ......

    22 luglio 2014 - 0 Commenti
  • Proseguono i lavori all’Apple Campus 2

    Continuano i lavori per l'Apple Campus: Spaceship. Si tratta del rivoluzionario quartier generale di Apple a forma di anello gigante. La costruzione continua a ritmo serrato secondo una nuova immagine pubblicata ......

    21 luglio 2014 - 0 Commenti
  • L’Unione Europea contro Apple per gli acquisti in-app

    La Commissione Europea ha annunciato oggi che Apple non ha adeguatamente corretto il problema relativo agli acquisti in-app. Questo argomento è stato oggetto di una investigazione dell'Unione Europea dopo diverse ......

    21 luglio 2014 - 0 Commenti